Talvolta i genitori mi chiedono come possono costruire o recuperare un buon rapporto con i loro figli, bambini e/o ragazzi definiti ribelli. Spesso nei loro occhi leggo rassegnazione, come se le avessero già provate tutte.

È possibile instaurare una relazione costruttiva con i figli?
È possibile educarli senza fare ricorso a punizioni o minacce? 

Sicuramente sì!

Di fatto la cosiddetta ribellione non è una caratteristica innata dei bambini, è un qualcosa che arriva nel tempo ed è spesso la conseguenza di 3 cose, che vediamo in questo articolo:

  • una percepita mancanza d’amore nei loro confronti;
  • una totale mancanza di regole o una presenza di regole non seguite;
  • una mancanza di libertà di movimento: di possibilità di esplorare sè stessi, le proprie capacità, il proprio sentire, il proprio ambiente – alle varie età.

1. Percepita mancanza d’amore da parte dei “figli ribelli”

Spesso come genitori, senza rendercene conto, abbiamo un sacco di pretese nei confronti dei nostri figli.

Desideriamo che facciano subito ciò che chiediamo loro, vogliamo che accettino sempre e comunque per buono quello che diciamo, vogliamo che ubbidiscano senza se e senza ma…

Quando questo non accade, talvolta tendiamo a reagire in modi poco amorevoli: alziamo la voce, facciamo piovere minacce di punizioni, magari ci chiudiamo nella relazione con loro tenendo musi lunghi ed evitando di rispondere se ci parlano.

amore mancanza

E tutto questo si amplifica se siamo stanchi, se abbiamo avuto una giornata faticosa, se c’è qualcosa che ci preoccupa, se i bimbi “fanno i capricci” in luoghi pubblici facendoci sentire in imbarazzo, se con il loro atteggiamento vanno a toccare nostre ferite ancora attive.

Che ci piaccia a no, i nostri figli pagano quasi sempre le conseguenze dei nostri stati d’animo.

Più siamo stressati a livello fisico, mentale e/o emozionale e meno pazienza abbiamo, meno abbiamo voglia di mettere in atto gesti di gentilezza, di comprensione, di cura… ovvero di amore.

Quante volte per stanchezza o tensione emotiva non dipendente da loro abbiamo reagito con rabbia?
Quante volte abbiamo detto o fatto cose per le quali poi ci siamo pentiti sentendoci in colpa? 

Sono cose che accadono e credo siano successe ad ogni genitore.

iscriviti a whatsapp

Generalmente come adulti ci viene automatico pensare che le nostre responsabilità, quello che abbiamo da fare noi, i nostri tempi siano più urgenti, interessanti e importanti di tutto quello che riguarda i nostri figli.

Il punto è che come noi abbiamo le nostre priorità, dettatte e determinate dalle scelte di vita che abbiamo fatto, loro hanno le proprie e non credo che crescere fisicamente, mentalmente ed emotivamente sia meno importante e faticoso.

Teniamo presente che ogni volta che reagiamo in malo modo originiamo una crepa nella relazione con i nostri figli e più questo accade, più fragile diventa il rapporto con loro.

Per evitare che questo accada, come genitori possiamo scegliere di applicare quello che, a mio avviso, è il principio fondamentale della genitorialità: individuare, soprattutto con il cuore, quali sono gli obiettivi educativi che come madre e padre ci poniamo nel lungo periodo.

Cosa desideriamo per i nostri figli nel lungo termine?

Avere ben chiaro questo ci può aiutare a rivedere i nostri atteggiamenti e comportamenti quotidiani, portandoci a sceglierne di funzionali e costruttivi anziché di disfunzionali.

Decidere di rispondere a un momento di stress, di difficoltà – anche derivante dalla relazione con loro ma non solo – in un modo efficace anziché in modo reattivo, ci permetterà di far vedere concretamente e quindi di insegnare con l’esempio quali sono i migliori atteggiamenti da mettere in atto in quelle specifiche situazioni.

Che ne siamo consapevoli o meno i bambini imparano ciò che vedono e vivono. Imparano per imitazione e noi genitori educhiamo con ciò che siamo.

guardare e imparare

Se urliamo, facciamo i musi lunghi, li giudichiamo e critichiamo, questo sarà quello che i bambini apprenderanno e che facilmente replicheranno, anche con noi genitori.

Si sentiranno autorizzati a farlo proprio perchè l’hanno appreso da noi che siamo le loro figure di riferimento.

Il punto è che quando sono i figli a mettere in atto questi atteggiamenti come genitori li vediamo inopportuni, sbagliati e ci fanno dire che sono capricciosi e/o ribelli.

Ricordiamoci sempre che le emozioni che proviamo sono la conseguenza dei pensieri che facciamo, ciò significa che se i pensieri che abbiamo riguardo ai figli sono di un certo tipo, ad esempio:

  • “se fa così vuol dire che non sono stata una buona madre/un buon padre”,
  • “se tiene questo comportamento vuol dire che non mi rispetta/considera/ascolta”,
  • “hanno il dovere di ubbidire”,
  • “sono io che decido e lui/lei ha da fare ciò che dico”,
  • “quando parlo hanno da agire subito”

è ovvio che se questo non avviene nei tempi e nei modi da noi desiderati ci arrabbiamo e reagiamo in modo esplosivo.

Per approfondire ti consiglio di leggere: come generare emozioni positive per una vita senza negatività

Così facendo però come genitori ci perdiamo la grande opportunità di far vedere ai nostri figli quale potrebbe essere un buon modo di stare in relazione.

Tutte le relazioni richiedono la presenza di un ingrediente essenziale: l’amore ed è assolutamente fondamentale farlo vivere concretamente nel rapporto genitori-figli in quanto l’educazione è un progetto che richiede tempo, pazienza, presenza a se stessi e all’altro.

Le relazioni sono un luogo di crescita per tutte le parti in gioco e posso assicurarvi che, dai nostri figli abbiamo un sacco di cose da imparare oltre che su di loro anche e sopratutto su noi stessi.

Che ci piaccia o no ci mettono davanti alle nostre paure, ai nostri limiti, ai nostri irrisolti e ci danno l’opportunità e l’occasione per andare oltre.

Alla luce di questo, con che atteggiamento scegliamo di approcciarci a loro?

Cosa desideriamo veramente raggiungere con la modalità educativa che scegliamo di adottare?

Come genitori abbiamo individuato e stabilito gli obiettivi che nel lungo termine desideriamo ottenere o ci lasciamo guidare da quelli a breve termine?

Siamo consapevoli di dove può portarci il focalizzarci sugli uni piuttosto che sugli altri?

Vediamolo insieme.

Se ad esempio desideriamo che nostro figlio sistemi i giochi dopo aver giocato e che si lavi le mani prima di mangiare questi sono i nostri obiettivi desiderati nel qui e ora, ovvero nel breve termine. 

bambino gioca in casa

Se questo non avviene nei tempi e modi ritenuti da noi consoni, può succedere che nella nostra mente inizino ad affollarsi dei pensieri negativi tipo: “Lo sta facendo apposta”, “Non mi ascolta mai”, ecc.

E ovvimente questi pensieri non potranno che generarci emozioni “negative” quali rabbia o frustrazione, alle quali facilmente seguiranno comportamenti coerenti: magari alziamo la voce, usiamo parole giudicanti, minacciamo di lasciarlo senza cena o di togliergli il cartone preferito…

Tutto questo farà sì che il bambino – anche se mette un muro e non lo dà a vedere – si senta impaurito dalle nostre parole, dal nostro atteggiamento: temerà di perdere il nostro amore.

I giudizi e le critiche lo feriranno, lo umilieranno, lo mortificheranno. Le punizioni e i “musi lunghi” non lo faranno sentire benvoluto e desiderato.

E la paura, che è la madre di tutte le emozioni “negative”, li porterà a chiudersi e a rispondere alla situazione con pianti, urli, lancio di oggetti, sbattimenti di teste sul pavimento e chi più ne ha più ne metta… praticamente è qui che la cosiddetta ribellione ha inizio.

banner vinco la paura

E più questo accade, più questa si rinforza.

Praticamente, anche se ci è impegnativo vederlo, nostro figlio si sente esattamente come noi. Arrabbiato, frustrato, non compreso, non ascoltato, non visto…

Ognuno, momento dopo momento, ha le proprie priorità e le nostre possono essere vedere la casa riodinata e sederci per cenare, le sue potrebbero essere quelle di avere il genitore a disposizione per giocarci assieme o semplicemente continuare a fare quello che stava facendo, cosa che sicuramente lo stava interessando più della cena e quindi del lavarsi le mani.

E in questi momenti, in cui tutte le parti in gioco stanno male ed è sicuramente difficile trovare una soluzione costruttiva, ne consegue che, se questi sentiti continuano a fare da padroni, sarà facile che al momento di accompagnarlo a letto lo facciamo in modo freddo, senza bacio della buona notte, senza una coccola che lo rassicuri.

bambino che dorme

E altrettanto facile sarà che quando lo guarderemo addormentato, inizieremo a sentirci in colpa per come abbiamo agito. Dal canto suo il bimbo potrà dormire male, svegliarsi arrabbiato e se va all’asilo o a scuola potrebbe mettere in atto gesti di dominanza sui compagni, ecc.

Alla fine magari il nostro obiettivo a breve termine è stato raggiunto: i giocattoli sono stati ordinati e le mani lavate, ma è probabile che sia il rapporto con nostro figlio che la sua autostima e sicurezza ne escano minati.

E si sa, gli anni passano e i figli crescono e se queste modalità non vengono riviste cosa potrebbe succedere? A venti o trent’anni che adulto sarà nostro figlio?

Se nel qui e ora, come genitori, ci facessimo delle domande diverse, cosa cambierebbe?

Se come genitori ci chiedessimo:

  • A venti o trent’anni che adulto vorremmo fosse diventato nostro figlio?
  • Che caratteristiche vorremmo avesse sviluppato?
  • Ci piacerebbe fosse una persona sicura di sé o meno?
  • Ci piacerebbe che avesse fiducia negli altri o no?
  • Ci piacerebbe che fosse una persona empatica o meno?
  • Ci piacerebbe fosse una persona amorevole o reattiva?
  • Che rapporto desideriamo avere con lui/lei quando sarà adulto?
  • Stiamo seminando per essere visti come figure di riferimento su cui poter contare?

Ecco, quando pensiamo a questo, quando ci poniamo questi interrogativi, stiamo di fatto individuando i nostri obiettivi a lungo termine che nel presente possono fungere da faro per guidare i nostri atteggiamenti e comportamenti nella direzione più opportuna.

Se scegliamo di controllarci, se scegliamo di investire tempo ed energie per spiegare al bambino/ragazzo perché gli stiamo chiedendo quella determinata cosa e soprattutto perché sarebbe bene la facesse, è probabile che dopo qualche volta non avremmo più bisogno di ripeterlo: lo avrà compreso, vedrà un senso in quell’azione che gli viene richiesta e, soprattutto, nel compierla si sentirà utile.

mara carraro fontana

Ricordiamoci sempre che i bambini (e per noi sarebbe la stessa cosa) imparano meglio quando si sentono rispettati, compresi, protetti, sostenuti e amati. 

Se vivono questi sentiti, difficilmente andranno in difesa caratteriale, in opposizione, in sfida, in quanto si sentiranno parte attiva nella famiglia, oltre che sentirsi sostenuti e protetti nella crescita.

2. Mancanza di regole o regole stabilite ma non seguite

Oltre che quando si sentono rispettati e compresi, i bambini (e non solo loro) imparano meglio quando ricevono informazioni, quando capiscono perchè è importante che agiscano in un certo modo, quando sono aiutati e supportati a trovare dei metodi costruttivi per raggiungere i loro obiettivi, quando sentono che i loro genitori credono in loro e soprattutto quando comprendono i motivi che stanno alla base delle regole adottate in famiglia. 

E proprio riguardo alle regole, talvolta, come genitori commettiamo due “errori”:

  1. Tendiamo a stabilire e imporre regole da rispettare che poi per primi infrangiamo.

I figli ci osservano in ogni momento, imparano da noi ed è normale che se non ci vedono coerenti si ribelleranno a tutte quelle imposizioni che noi per primi non rispettiamo.

Se diciamo loro “non si urla” ma appena “sbagliano” qualcosa alziamo la voce, che messaggio stiamo passando?

Se diciamo “non si alzano le mani” ma quando fanno “i capricci” (veramente sono capricci?) o qualche marachella ci scappa una sculacciata, che messaggio stiamo passando?

Se diciamo loro che hanno da portare rispetto, ma per primi li giudichiamo, critichiamo (o critichiamo in loro presenza l’altro genitore o altre persone), che messaggio stiamo passando?

Se diciamo loro che hanno da ascoltarci ma per primi non ci fermiamo a capire le loro ragioni, che messaggio stiamo passando? 

ascoltare i bambini

Se per primi reagiamo a determinate situazioni alzando la voce o le mani, se per primi critichiamo o giudichiamo, di fatto stiamo insegnando ai nostri figli l’esatto opposto di quello che vorremmo imparassero, in più ogni volta che reagiamo in questo modo perdiamo una grande opportunità educativa: quella di far vedere loro come si può rispondere ai momenti di avversità, di difficoltà dove le cose non sono come vorremmo noi.

  1. Oltre all’effrazione in primis delle regole, può anche accadere che, nonostante queste ci siano, a volte permettiamo e accettiamo che vengano infrante da loro.

E se in determinati momenti chiudiamo un occhio o talvolta entrambi, come possiamo pensare di imporle in altri?

Se non insegniamo il valore di quella regola e il senso del suo rispetto giorno dopo giorno, non possiamo poi aspettarci e pretendere che venga fatto quando andrebbe bene a noi.

La cosa utile da fare per ovviare a tutto questo è quella di stabilire poche regole fondamentali. Hanno da essere chiare, precise e soprattutto condivise con loro.

Per approfondire leggi anche: rapporto genitori-figli, manuale per l’uso e consigli da seguire

Le imposizioni non servono a nulla e le punizioni nemmeno: rischiano soltanto di ottenere l’effetto opposto ovvero di mandare il bambino/ragazzo in sfida con noi adulti.

Ricordiamoci che, come genitori, siamo guide non giudici dei nostri figli perciò invece di punire, passiamo loro il senso di responsabilità che consiste nel fare i conti con le conseguenze delle proprie azioni e non con le nostre minacce. 

Se insieme a loro condividiamo regole e conseguenze credo che inevitabilmente passiamo un messaggio di libertà e correttezza che vive nel comprendere e nel riparare al “danno”.

libertà di agire

Difficilmente ci sono atteggiamenti ribelli e di sfida dove vivono libertà e senso di giustizia. 

Se ad esempio nostro figlio preferisce prepararsi la cartella al mattino anziché alla sera lasciamolo libero di scegliere.

Magari spieghiamogli che se lo fa alla sera il mattino successivo può dormire dieci minuti in più o fare colazione con più calma o può avere più tempo per verificare di aver fatto tutto al meglio per il giorno successivo, ma se lui sceglie di farlo al mattino lasciamolo libero.

Fissiamo insieme in modo chiaro l’ora di uscita e concordiamo come ci regoleremo qualora, all’ora stabilita, non fosse pronto. Facciamogli comprendere che una sua mancanza si ripercuoterebbe anche su di noi facendoci magari arrivare tardi al lavoro e spieghiamogli cosa questo comporterebbe.

Alla fine sperimentiamo, concordiamo un periodo di prova di una settimana per vedere come va. Se le cose funzionano ottimo, in caso contrario parliamone assieme per trovare un nuovo accordo condiviso.

Sicuramente è una via più impegnativa e faticosa ma nel lungo tempo lo renderà una persona responsabile, capace di trovare soluzioni e di mediare piuttosto che una persona colpevole e in sfida.

mara genitori e figli

La mia esperienza personale è stata inizialmente quella di obbligare i ragazzi a fare la cartella la sera e il risultato raggiunto è che la maggior parte delle volte si dimenticavano qualcosa.

Quando ne abbiamo parlato e abbiamo raggiunto un accordo condiviso, le cose sono radicalmente cambiate. Restituire – tenendo conto dell’età – responsabilità e libertà rende i figli registi e non spettatori della propria vita.

3. Mancanza di libertà

Se il bambino sente minacciata la sua libertà di esplorare, sperimentare, muoversi, agire, decidere, scegliere, facilmente diventerà ribelle.

La libertà, per quello che è possibile ad ogni età, è il bene più prezioso che abbiamo e i genitori avrebbero da essere proprio quelle persone che guidano i figli in questa strada nel modo più efficace possibile.

Ma se come genitori impediamo tutto questo e diventiamo coloro che tengono il bambino o ragazzo in trappola è ovvio che in lui nasceranno emozioni di rabbia, risentimento e rancore nei nostri confronti.

Ed è altrettanto ovvio che ne seguiranno dei comportamenti e atteggiamenti disfunzionali. Generalmente quando come genitori limitiamo la libertà dei figli lo facciamo a causa delle nostre paure.

Invece di perseverare in questo atteggiamento repressivo, sarebbe utile cogliere l’opportunità di osservare, attraversare e vincere ciò che per primi ci blocca e che più o meno consapevolmente tendiamo a riversare sui nostri figli.

La nostra libertà interiore diventerà inevitabilmente la loro, come le nostre prigioni interiori diventano inevitabilmente le loro… Prendiamoci cura di ciò che ci impatta perchè solo così istaureremo relazioni autentiche e funzionali con i nostri figli e non solo.

Consigli per risanare la relazione genitore-figlio

Alla luce di quanto visto per recuperare o risanare la relazione con i figli, è importante che teniamo presente che un bambino/ragazzo si ribella perchè, dal suo punto di vista, che è diverso dal nostro, ha un ottimo e valido motivo per farlo.

Se con pazienza, presenza e disponibilità cerchiamo di comprendere cosa pensano e cosa provano i nostri figli nelle diverse situazioni, se insieme ci impegniamo a  rimuovere quei motivi, se ci teniamo sempre nella mente e nel cuore qual è il nostro obiettivo educativo a lungo termine, se li vediamo come persone diverse da noi con le loro propensioni, le loro idee, i loro gusti, le loro paure, i loro desideri, le loro passioni, se impariamo ad amarli concretamente, ecco che avremo imboccato la via giusta per creare una buona relazione.

amore scritta

Inoltre abbiamo da agire per essere veramente per loro dei punti di riferimento affidabili e coerenti, quindi per primi, e soprattutto nel rapporto con loro, abbiamo da essere delle persone che:

  • rispettano le regole;
  • li coinvolgono nella definizione delle regole, spiegandone loro il senso;
  • esprimono il proprio punto di vista e rimangono aperti ad ascoltare il loro; 
  • non giudicano ma cercano di comprendere e li sostengono nel miglioramento;
  • li accompagnano ad apprendere dai loro “errori”;
  • li aiutano a comprendere che ogni azione, ogni decisione, ogni scelta implica delle conseguenze da affrontare;
  • li aiutano a comprendere che ogni loro azione, decisione, scelta potrebbe implicare delle conseguenze anche nella vita degli altri;
  • li sostengono nella libertà di esplorare;
  • si impegnano a gestire lo stress, a lasciar andare le pretese, a incanalare la rabbia per trasformarla in azioni costruttive anziché distruttive;
  • non usano imposizioni, manipolazioni, minacce per ottenere ciò che vogliono nell’immediato. 

E nel fare tutto questo sarebbe utile che non alimentassimo aspettative sul risultato.

Restiamo nel processo con fiducia e amore perchè come non sono divetati “capricciosi, ribelli, sfidanti” da un giorno all’altro, o come la relazione non si è incrinata da un giorno all’altro, ci vorrà il giusto tempo affinchè si sentano sicuri e sereni di poter agire in modo nuovo e diverso.

E soprattutto non etichettiamoli come “capricciosi, ribelli, o altro” perchè di fatto non sono “capricciosi, ribelli…” ma scelgono di adottare quel determinato comportamento perchè per loro è la cosa migliore in quel momento.

Se separiamo il fare dall’essere ovvero i comportamenti dalla persona, possiamo agire sui primi, continuando ad amare e guardare loro come alle creature meravigliose che sono.

Ti è piaciuto l’articolo?

Fammelo sapere nei commenti qui sotto e se hai domande scrivile, ti risponderò molto volentieri! Inoltre, ti ricordo che puoi iscriverti alla mia lista broadcast su WhatsApp per non perdere i prossimi contenuti.

Clicca sul bottone qui sotto e inviami il messaggio “voglio iscrivermi alla lista”.
Potrai cancellarti in ogni momento.

pulsante iscriviti whatsapp

Preferisci ricevere le mie comunicazioni su Telegram?

Clicca qui o sul banner qui sotto per accedere ed iscriverti al mio canale Telegram gratuito “Mara Carraro Counsellor e Coach”, ti aspetto!

 

Condividi con i tuoi contatti: